You are here: Home // Anticontraffazione, Notizie // LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NON PUÒ AVERE CONFINI

LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NON PUÒ AVERE CONFINI

La Commissione parlamentare sulla contraffazione ha svolto una audizione con Bob Barchiesi, presidente della IACC, l‘International AntiCounterfeiting Coalition Inc. Si tratta di una organizzazione non-profit con sede a Washington, formatasi nel 1979 e dedicata esclusivamente alla lotta contro la contraffazione e la pirateria dei prodotti. Barchiesi ha illustrato in particolare il programma di punta della IACC, RogueBlock, sviluppato per colpire i contraffattori nel loro punto più sensibile: il loro portafoglio. Il programma lavora con le compagnie più grandi al mondo che gestiscono i circuiti delle carte di credito per porre fine agli account commerciali dei contraffattori e bloccare la circolazione di denaro sui siti e-commerce che vendono beni illeciti. Dal suo lancio nel 2012, il programma ha messo fine a più di 5.300 account commerciali usati dai contraffattori ed ha colpito più di 200.000 siti web correlati a questi account.

Il contributo di tutti per bloccare le carte di credito sospette

«Sicuramente in futuro – ha detto Bob Barchiesi rivolgendosi direttamente ai componenti della Commissione – avremo bisogno della vostra assistenza e del vostro contributo per assicurare che il commercio ed i consumatori italiani possano raccogliere a pieno i frutti dei nostri sforzi». Sviluppare partenariati efficaci ed influenti è parte integrante della strategia anti-contraffazione della IACC. L’organizzazione crede che chi è legittimamente coinvolto nel settore dell’e-commerce debba essere parte integrante nella soluzione della lotta contro la contraffazione. La IACC guarda avanti verso la sua continua espansione e impegno con il governo, l’industria ed i partner associati per lavorare attraverso un mercato sicuro ed affidabile per i consumatori.

Tags: ,

Leave a Reply

 
Copyright © 2011 Garantitaly. Tutti i diritti riservati.
Designed by Theme Junkie. Powered by WordPress.