You are here: Home // Agroalimentare, Notizie // DOCUMENTO D’INTENTI COMUNI TRA LE REGIONI PER LA FUTURA PAC

DOCUMENTO D’INTENTI COMUNI TRA LE REGIONI PER LA FUTURA PAC

La Conferenza degli Assessori alle politiche agricole delle 19 regioni italiane e delle due province autonome, riunitasi a Verona in occasione del Vinitaly, ha condiviso a pieni voti un documento di proposte, che sarà consegnato nei prossimi giorni al Ministro Marco Centinaio. Il testo raccoglie le richieste-chiave degli assessorati all’agricoltura dei diversi territori relativamente all’impostazione della futura Pac, la misura europea per l’agricoltura 2021-2027.
Al primo posto c’è l’istanza di una governance ‘multilivello’: “Le Regioni rivendicano un ruolo attivo nell’impostazione degli obiettivi, delle regole e degli strumenti della nuova Pac – ha sottolineato l’Aassessore veneto all’agricoltura, Giuseppe Pan Ci sono peculiarità molto diverse dal Trentino alla Sicilia e il prossimo ciclo di programmazione comunitaria degli aiuti per l’agricoltura dovrà tener conto delle diverse vocazioni e caratteristiche e delle performances di investimento di cui hanno dato prova i diversi territori. In Veneto, dove abbiamo già impegnato oltre l’80% dei 1.169 milioni del ciclo di programmazione 2014-2020, abbiamo le idee chiare su dove e come investire: chiediamo di migliorare i rapporti di filiera, gli strumenti di gestione del rischio, di sostenere le pratiche innovative e l’agricoltura di precisione, di aiutare i giovani a rimanere nei campi e di sostenere l’agricoltura nelle terre in quota».

Per il primario settore della viticoltura si chiedono nuove regole che aiutino il rispetto dell’ambiente

Quanto alla viticoltura, primato dell’agricoltura veneta e fiore all’occhiello del Made in Italy, vi è tra le Regioni un’ampia convergenza per chiedere il riconoscimento, nei prossimi regolamenti che normano gli oltre 400 vini italiani a denominazione d’origine, della possibilità di utilizzare negli uvaggi quote percentuali provenienti da vitigni ibridi resistenti.
«Il futuro della viticoltura sta nella competitività aziendale e nella sostenibilità ambientale – afferma l’Assessore Pan – Credo quindi che sia interesse di tutti, e non solo dei viticoltori, coniugare ottime rese con il rispetto dell’ambiente e della salute, abbattendo il più possibile il ricorso a fitofarmaci di origine chimica. Le sperimentazioni in atto nella diverse regioni, sotto la guida qualificata di ricercatori ed enotecnici, stanno offrendo risultati interessanti in termini di resistenza ai parassiti e alle patologie della vite, nonché di adattamento ai cambiamenti climatici. Ora il prossimo step dovrà essere quello di allineare il sistema delle regole alle innovazioni economiche e ambientali in atto nel mondo della viticoltura».

Tags: ,

Leave a Reply

 
Copyright © 2011 Garantitaly. Tutti i diritti riservati.
Designed by Theme Junkie. Powered by WordPress.