You are here: Home // Editoriali

La rivoluzione della moda è italo-francese

La rivoluzione della moda è italo-francese
Lo abbiamo scritto recentemente: i grandi marchi della moda italiana sono solidi, con pochi debiti ed una buona liquidità. Fattori importanti in un comparto che sta rapidamente cambiando la propria natura e che sta dimostrandosi il più ‘moderno’ per la rapidità con la quale si adegua ai nuovi tempi. L’esempio viene dalla longevità del computer sul quale scrivo queste righe: ha qualche anno,... 

Un voto per la qualità

Un voto per la qualità
Abbiamo fin qui resistito alla tentazione di esprimerci in un qualche modo sulla campagna elettorale e sull’ormai prossima chiamata alle urne degli elettori. È evidente per tutti i temi che trattiamo in queste pagine non è affatto ininfluente il prossimo Governo che verrà (o non verrà). Dall’agricoltura alla moda, dal vino al commercio nazionale ed internazionale, il ruolo dell’esecutivo... 

L’inevitabile strada del dialogo

L’inevitabile strada del dialogo
La risposta non è il protezionismo: il forum internazionale dell’economia di Davos ha, in un qualche modo, cercato di affermare questo principio per il benessere dell’economia mondiale. L’intervento apprezzatissimo del premier indiano Narendra Modi, e quelli di Angela Merkel e Emmanuel Macron, ma soprattutto la maggior cautela che ha frenato il solitamente spavaldo Donald Trump hanno tenuto... 

Di buone intenzioni…

Di buone intenzioni...
… l’adagio popolare dei nostri nonni fa riferimento all’inferno. Ma si sa, i tempi non son più quelli di una volta e così, accantonato l’inferno, ecco che c’è chi ha ben pensato di lastricare di buone intenzioni i pavimenti dei supermercati! Perché certamente c’era una buona intenzione alla base della decisione di imporre l’uso di sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta... 

Per un anno di qualità

Per un anno di qualità
Ci mancherà Gualtiero Marchesi, scomparso lo scorso 26 dicembre. Perché è stato un cuoco, un grande cuoco. Ma perché è stato molto di più, tanto che sembra sminuirne l’importanza dire che unanimemente viene riconosciuto come il fondatore della “nuova cucina italiana”. Agli esordi, come accade a tutti i grandi uomini, non fu compreso e talvolta deriso per le sue creazioni così nitide,... 

CARO GESU’ BAMBINO, PORTACI UN PO’ DI SAGGEZZA

CARO GESU’ BAMBINO, PORTACI UN PO’ DI SAGGEZZA
Ciò, che mi preoccupa in questo passaggio d’anno è l’inesorabile, progressivo affermarsi di un pensiero dominante, incapace di affrontare la questione di fondo: la disponibilità umana, almeno in questo periodo storico, di barattare le proprie libertà ed intelligenza con una supposta modernità; in pericolo c’è la democrazia, ma quando se ne parla, la sensazione è che si guardi il dito invece... 

Lì dove regna l’incerto

Lì dove regna l’incerto
Prima di essere accusati di autolesionismo di tafazziana memoria, non stiamo parlando solo dell’Italia anche se gli esempio ai quali facciamo riferimento sono quelli di casa nostra. Ma non dimentichiamoci che anche il resto del nostro continente vive le stesse contraddizioni. Fatta questa premessa, partiamo da Bebe Vio, la campionessa paraolimpica che è entrata nelle nostre case attraverso una... 

Maledetti spareggi

Maledetti spareggi
La tentazione era quella, in queste poche righe, di occuparci di quanto poco sia di moda l’azzurro in Russia: l’assenza della Nazionale di calcio ai mondiali è evento che, dopo 60 anni, ha colpito tutto il Paese, non solo la tifoseria. Avremmo quindi dovuto sbilanciarci anche noi in valutazioni che hanno travolto tutte le testate, ma non saremmo mai riusciti a fingerci degli esperti e per fortuna,... 

Liti domestiche in un mondo che avanza

Liti domestiche in un mondo che avanza
Autunno, tempo di premi per il mondo del vino. Vi abbiamo dato su queste pagine il resoconto di alcuni tra i più prestigiosi riconoscimenti nazionali. Se oggi ci soffermiamo in questo commento sul giudizio di un celebre critico statunitense non è solo per per vantare la qualità italiana. È vero che lo stimatissimo James Suckling colloca tra i primi dieci vini del 2017 due vini italiani (il Galatrona... 

Tra qualità e tricolore

Tra qualità e tricolore
Meglio scrivere in etichetta “Italia, Italia Italia” e metterci una bandierina tricolore oppure il problema è quello della qualità che solo l’alta professionalità del lavoro (e dei lavoratori) nazionali sanno garantire? Non pensiate che le risposte siano davvero così facili perché di esempi pronti a smentirvi ne troverete sempre a bizzeffe. Tutto ciò per introdurre due notizie: la prima... 
Copyright © 2011 Garantitaly. Tutti i diritti riservati.
Designed by Theme Junkie. Powered by WordPress.